Ideato e condotto da:
Roberto MONTAGNA


STORIE PER LE
MILLE E UNA NOTTE

La più celebre raccolta novellistica dell’Oriente portata ai ragazzi in modo semplice e non convenzionale, attraverso la lettura, l’elaborazione teatrale e l’eventuale messinscena di alcune storie tratte dalla storica raccolta degli anni Sessanta delle Storie da Le Mille e una Notte, ridotte per ragazzi da Renata Paccariè, importante studiosa di fiabe e narrazione orientale.
Tra le storie prese come spunto per offrire esempi di alcuni dei temi maggiori della raccolta e dell'influenza delle Mille e una notte su tutta la letteratura europea (da Boccaccio a Proust, da Andersen allo Sherlock Holmes di Conan Doyle):
Storia del pescatore e del demone (il sovrannaturale; la vita del popolo e quella delle classi superiori)
- Storia del sarto, del gobbo, dell’ebreo, del sovrintendente e del cristiano (il confronto tra culture differenti; il destino del protagonista risolto senza interventi magici)
- Storia del principe Kamar e della principessa Budur (l’amore e il viaggio; l’intervento del sovrannaturale).

I percorsi di laboratorio si possono strutturare in base alle esigenze della Scuola (da un minimo di 2 incontri di 2 ore ciascuno per ogni classe, fino a un massimo di 10 incontri), e possono prevedere anche un momento spettacolare conclusivo aperto alle famiglie.

Tutta l’attività è progettata e condotta dall’attore/animatore Roberto Montagna.

E’ previsto un incontro iniziale con gli insegnanti coinvolti, durante il quale sarà consegnata parte del materiale integrativo al laboratorio: una scheda di presentazione delle Mille e una notte con indicazioni circa la struttura dell’opera in riferimento ai temi trattati, il testo (nella trascrizione della Paccariè) delle storie prescelte. Per chi opterà per un momento spettacolare conclusivo saranno offerte anche pagine di copione già predisposte per la messinscena, e basi musicali utilizzabili durante lo spettacolo.

Gli incontri di laboratorio potranno essere condotti, sempre alla presenza dell'insegnante interessato, in classe oppure in un’altra aula, dove si possa creare uno spazio vuoto/palcoscenico e una fila di sedie per i ragazzi spettatori/attori.
Per l’eventuale momento spettacolare conclusivo può essere messo a disposizione anche un “service” tecnico di fonica e luci.



 

PER ULTERIORI INFORMAZIONI SCRIVERE A
montagna@compagniateatralestilema.it

Compagnia Teatrale Stilema
Formazione artistica di UNOTEATRO Soc. Coop. - C.so Galileo Ferraris 266, 10134 Torino P. IVA/C.F. 07794130018
REA della C.C.I.A.A. di TORINO 921200 Iscr. Albo delle coop. n. A100969 del 17.12.200
4