Ideato e condotto da:
Roberto MONTAGNA

UN TEATRO IN PIENA REGOLA
TRE PERCORSI PER UN TEATRO DI LIBERTA' E GIUSTIZIA


UN PAESE IN PIENA REGOLA
Laboratorio teatrale per le classi IV e V Scuola Primaria e classi Scuola Secondaria di I° Grado

Contenuti.
Nel paese di Solome ciascuno pensa solo a se stesso, senza badare agli altri. Non si rispettano le regole, l’ambiente e nemmeno le persone. Per questa ragione Solome, un poco alla volta, si è trasformato in un posto che non piace a nessuno dei suoi abitanti e da cui tanti vorrebbero andarsene. Un giorno arriva nel paese un personaggio che dice di possedere un ombrello magico che permette a chi lo usa di spostarsi in qualsiasi luogo si voglia, reale o fantastico. E aggiunge: “Vi faccio una proposta. Questo ombrello in cambio del vostro paese”. Naturalmente tutti gli abitanti accettano lo scambio e decidono di partire alla ricerca di un luogo bellissimo dove vivere. Tutti tranne alcuni anziani che ricordano come un tempo fosse bello anche il loro paese, quando tutti erano più giusti e gentili, e i bambini, che a scuola stanno studiando i valori del vivere sociale e della legalità su libri dai nomi strani ma affascinanti, uno dei quali chiamato Costituzione.
Partendo da questo spunto, il laboratorio teatrale Un paese in piena regola permette ai ragazzi, attraverso l’utilizzo del linguaggio teatrale e delle sue regole, di entrare nella storia del paese di Solome. E ogni viaggio compiuto dai suoi  “rozzi” abitanti si trasforma in una tappa di avvicinamento alle regole di convivenza sociale e civile, ai rapporti di solidarietà, al rifiuto ogni forma di violenza, razzismo e discriminazione in  genere.

Cosa prevede l’attività.
- un incontro di presentazione per gli insegnanti, in orario extrascolastico, durante il quale verrà esposto il percorso dell'attività.
-  la consegna e l’illustrazione di alcune schede didattiche riguardanti il lavoro che si svolgerà e da mettere in relazione con il tema della legalità. Tali schede potranno essere o meno utilizzate, a discrezione di ogni insegnante.
- da 3 a 6 incontri di laboratorio teatrale di h. 1,00 - 1,15 ciascuno, da tenersi in classe (spostando i banchi e mettendo le sedie a semicerchio), oppure in un’altra aula idonea.


FULMINE E IL 25 APRILE
Laboratorio teatrale per le classi IV e V Scuola Primaria e classi Scuola Secondaria di I° Grado, liberamente ispirato al racconto "Fulmine, un cane coraggioso" di Anna e Michele Sarfatti.

Contenuti.
Raccontare la Resistenza e il 25 aprile 1945 ai bambini e ai ragazzi in modo semplice ma efficace, con correttezza storica ma anche con un pizzico di invenzione e fantasia.
Prendendo spunto dal racconto dei Sarfatti, che narra della Resistenza vista attraverso lo sguardo del cane Fulmine, il laboratorio teatrale sviluppa un percorso parallelo tra passato e attualità, fino a ascoltare le voci di chi cerca la libertà oggi. Voci che dicono di non dimenticare. Perché noi siamo stati così ieri. E di non essere egoisti, di non tirarci indietro. Perché chi cerca la libertà deve sempre essere aiutato. Ma anche di non scordare mai che, in ogni caso " la guerra è guerra e semina sventura. Colpisce chi la vuole. E chi si oppone".

Cosa prevede l’attività.
I percorsi di laboratorio si possono strutturare in base alle esigenze della Scuola (da un minimo di 2 incontri di 2 ore ciascuno per ogni classe, fino a un massimo di 10 incontri), e possono prevedere anche un momento spettacolare conclusivo aperto alle famiglie.

E’ previsto un incontro iniziale con gli insegnanti coinvolti, durante il quale sarà anche consegnato del materiale integrativo al laboratorio.
Per chi opterà per un momento spettacolare conclusivo saranno offerte anche pagine di copione già predisposte per la messinscena, e basi musicali e vocali utilizzabili durante lo spettacolo.

Gli incontri di laboratorio potranno essere condotti, sempre alla presenza dell'insegnante interessato, in classe oppure in un’altra aula, dove si possa creare uno spazio vuoto/palcoscenico e una fila di sedie per i ragazzi spettatori/attori.
Per l’eventuale momento spettacolare conclusivo può essere messo a disposizione anche un “service” tecnico di fonica e luci.




PER GIUSTIZIA, PER AMORE
Laboratorio teatrale per le classi di Scuola Secondaria di I° Grado, liberamente ispirato al racconto "Poliziotta per amore" di Nando dalla Chiesa.

Contenuti.
“Avevo sempre sentito dire che il poliziotto lo fai perché non c’hai un mestiere. O perché c’hai la passione dello sbirro (…) Io quel giorno pensai invece che la poliziotta l’avrei fatta sul serio. Ma per amore. Già, per amore di chi è stato ucciso per la giustizia, per amore dei deboli, dei cittadini qualunque che hanno bisogno di essere difesi. E anche per amore di chi ha osato ribellarsi ai soprusi e alle violenze”.
Nel libro che ispira il nostro laboratorio teatrale, una giovane donna, dice parole come queste. Parla del suo incontro quasi imprevedibile – lei che era una liceale ribelle – con una divisa da poliziotta. Della sua decisione di combattere - per amore – le violenza, i soprusi, e soprattutto la mafia. Delle sue delusioni e delle sue gioie. Il percorso laboratoriale si sviluppa attraverso una sorta di "dialogo" tra i ragazzi e la divisa che questa giovane donna, questa "sorella maggiore", indossa. Per giungere a un breve spettacolo dove si narreranno alcune delle domande rivolte dalla classe alla "divisa" e le risposte ricevute, così come saranno state comprese.

Cosa prevede l’attività.

Il percorso di laboratorio si strutturare in 6 oppure 8 incontri di 2 ore ciascuno per ogni classe, e prevedere anche un momento spettacolare conclusivo (preceduto da una prova generale) aperto alle famiglie.

E’ previsto un incontro iniziale con gli insegnanti coinvolti, durante il quale sarà consegnato del materiale integrativo al laboratorio e saranno offerte pagine di copione già predisposte per la messinscena, oltre a basi musicali e vocali utilizzabili durante lo spettacolo.

Gli incontri di laboratorio potranno essere condotti, sempre alla presenza dell'insegnante interessato, in classe oppure in un’altra aula, dove si possa creare uno spazio vuoto/palcoscenico e una fila di sedie per i ragazzi spettatori/attori.
Per il momento spettacolare conclusivo può essere messo a disposizione anche un “service” tecnico di fonica e luci.



 

PER ULTERIORI INFORMAZIONI SCRIVERE A
montagna@compagniateatralestilema.it

Compagnia Teatrale Stilema
Formazione artistica di UNOTEATRO Soc. Coop. - C.so Galileo Ferraris 266, 10134 Torino P. IVA/C.F. 07794130018
REA della C.C.I.A.A. di TORINO 921200 Iscr. Albo delle coop. n. A100969 del 17.12.200
4